tutti i santi

Alle Heiligen rufen zu Gott und leben von seiner Beziehung
Alle Heiligen rufen zu Gott und leben von seiner Beziehung

La festa di tutti i Santi è la nostra festa personale. Celebriamo tutti coloro che sono amici di Dio, ritornati alla sua casa per celebrare la liturgia che non finisce mai. In questo giorno ricordo in modo particolare i santi quotidiani incontrati nella mia vita, i miei genitori, amici, educatori. Per tutti prego, lodo e ringrazio il Signore.

La prima lettura dal libro dell’apocalisse abbozza, in una visione ricchissima di tratti, il quadro della realtà finale. Ci vengono mostrate la quantità sterminata e l’assoluta universalità degli uomini interessati, per passare a descrivere poi la liturgia che dà vita a questo cielo e i presupposti dell’appartenenza alla realtà escatologica.

La seconda lettura propone la realtà già incontrata nella prima, usando la nuova categoria dell’amore e dell’essere figli. L’apice della vita finale sta nel fatto che allora Dio «lo vedremo così come egli è» (1 Gv 3,2).

Il testo delle beatitudini rivelate da Gesù nella pagina evangelica di Matteo sono un quadro della realtà cristiana collocata tra l’oggi dell’annuncio e il futuro della visione e della beatitudine piena.

 

Condividi con i tuoi amici:

Autore: Bonassi Orazio

Nato a Rezzato in Provincia di Brescia il 27.maggio 1941 Cittadino Tedesco e appartenente al Clero della arcidiocesi di Monaco di Baviera. Ordinato Sacerdote a Brescia il 25 giugno 1966. Residente a Kammlach.