31domenica C

Alcuni suggerimenti liturgici e teologici per la 31.ma domenica del Tempo Ordinario – 30 ottobre 2016 –

 La prima lettura motiva la misericordia/compassione di Dio con la sua onnipotenza creatrice. Salomone afferma: «Non provi disgusto per nessuna delle cose che hai creato; se avessi odiato qualcosa, non l’avresti neppure formata» (Sap 11,24).

La seconda lettura afferma che il tempo presente è uno spazio in cui si prepara il compimento. Non si deve perciò credere che «il giorno del Signore sia già presente» (2 Ts 2,2), ma restare in preghiera e attesa.

La figura di Zaccheo ci richiama alla fiducia e alla possibilità di cambiamento del cuore
La figura di Zaccheo ci richiama alla fiducia e alla possibilità di cambiamento del cuore

Vangelo: Zaccheo, il protagonista del Vangelo, fa capire bene che il Signore è capace di investire il tempo come spazio del cambiamento del cuore e quindi come effettiva preparazione della salvezza.

 

Condividi con i tuoi amici:

Autore: Bonassi Orazio

Nato a Rezzato in Provincia di Brescia il 27.maggio 1941 Cittadino Tedesco e appartenente al Clero della arcidiocesi di Monaco di Baviera. Ordinato Sacerdote a Brescia il 25 giugno 1966. Residente a Kammlach.